Allontanarsi dalla scrivania migliora la scrittura

Quante volte abbiamo sottovalutato l’importanza del fare esperienza, esperienza fisica intendo, con i prodotti, gli oggetti e i software che descriviamo nella manualistica e nella documentazione tecnica?
Quante volte per mesi siamo rimasti alla scrivania a scrivere?
Non dovremmo mai dimenticare quanto sia importante abbandonare la scrivania e prendere contatto non solo con gli oggetti del nostro lavoro, ma anche con i loro destinatari e con l’ambiente in cui lavorano.
Non è immediato, infatti, riuscire a immedesimarsi in modo assolutamente astratto nell’ambiente reale di lavoro degli utenti.
Così come non è detto che – anche quando riusciamo a farcene un’idea attraverso interviste e questionari – la nostra idea sia propriamente corretta e realistica.
Perché un conto è parlare e un altro conto è agire, sul campo.

technical writer che fanno esperienza sul campo

Irene Mazzi, technical writer WRITEC, fa esperienza su un trattore

Differenze sostanziali: dal dire al fare
Mentre noi scriviamo, comodamente seduti in ufficio, con l’aria condizionata accesa, c’è un agricoltore là fuori, uno appena assunto, un ragazzo giovane che, sotto il sole cocente di agosto, cerca di capire come far funzionare gli attrezzi del suo trattore.
Spero che abbia un dispositivo mobile per la consultazione e non un manuale di carta infangato.

Differenze sostanziali: dal dire al fare per poter dire
Quante volte scriviamo per ore senza aver fatto esperienza diretta?
Svolgere così il lavoro del redattore tecnico comporta qualche rischio, non sempre banale.
Il primo è che la scrittura risulti perfetta, ma non orientata all’utente, alle sue necessità e alla fruibilità nelle condizioni di lavoro più difficili che possano capitare: sotto il sole con le mani sudate e sporche, davanti a un computer senza connessione internet, in una officina meccanica e così via.
Vale tanto per la manualistica quanto per le interfacce software e fisiche dei prodotti.

La collaborazione che fa la differenza
Non vi è mai capitato di consumare i tasti del computer?
Quella sarà la T o la Y?
Forse il lettering non dovrebbe consumarsi…
Allora perché c’è una grande resistenza, da parte degli attori del processo, nel favorire un lavoro sinergico fra Subject Matter Expert (SME), Technical Writer, utenti veri e propri a campione e analisti esperti di user experience?
Troppo spesso ci convinciamo che una lunga fase di analisi e progettazione sia una perdita di tempo, magari non inutile, ma superflua.
Quanto ci sbagliamo.
Solo dedicando il giusto tempo a ogni fase, anche conoscitiva, il processo di sviluppo della documentazione tecnica si svolgerà in modo lineare, costante e consapevole, con una significativa riduzione di costi, tempi di scrittura e numero di revisioni.

La profondità di analisi che migliora i risultati
A volte invece ci si può trovare in una fase progettuale nella quale il prodotto ancora non esiste.
E allora? In questo caso come si fa a fare esperienza?
Bisogna progettare il prodotto, ma anche l’interazione fra l’utente e il prodotto e ottimizzarla al massimo.
Il segreto? Farsi sempre un milione di domande.

E voi: l’avete un segreto?
Postate i vostri commenti, i problemi che incontrate nel vostro lavoro e le brillanti soluzioni che avete già trovato.
Buon lavoro!

 

2 pensieri su “Allontanarsi dalla scrivania migliora la scrittura

  1. Quanto hai ragione Vilma, toccare con mano e vedere da vicino per capire meglio dovrebbe essere la base.
    Capita però frequentemente (troppo spesso direi) di lavorare senza poter disporre del prodotto …
    E capita frequentemente (troppo spesso purtroppo) che il manuale venga redatto in fretta e furia solo all’ultimo minuto, perdendo per strada “pezzi” importanti … e/o necessari.
    Fare domande è fondamentale (!) e richiede una certa abilità comunicativa ma, riuscire ad analizzare le risposte trasformandole in concetti semplici e chiari, non è una conseguenza scontata.
    Facciamo domande a chi ha progettato il prodotto, ma facciamole anche a coloro che lo hanno assemblato e soprattutto a coloro che lo utilizzano.
    Raccogliamo i dati, organizziamoli e, quando possiamo, sporchiamoci le mani, i “nostri” utenti ce ne saranno grati.

  2. Pingback: Les meilleures méthodes de rédaction technique | Veille CFTTR

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...